Batterie futuristiche: si creeranno dalle lacrime

Non sempre piangere è un male: può servire anche a produrre elettricità. Nelle lacrime, infatti, c’è una proteina che può convertire l’energia meccanica in energia elettrica. I ricercatori dell’Università di Limerick (Irlanda) hanno scoperto un effetto piezoelettrico nelle molecole di lisozima, sostanza presente nelle lacrime e nell’albume d’uovo. Sotto forma di cristalli, queste proteine riescono infatti a produrre elettricità se sottoposte a una pressione esterna, come succede con il quarzo. Il fenomeno non è nuovo, ma è la prima volta che lo si osserva in molecole biologiche. La novità potrebbe permettere la creazione di batterie prive di composti tossici da usare per esempio nei pacemaker.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.