Facciamo luce sul darkweb – quinta parte

FREENET: il P2P a prova di censura

Delle tre darknet fin qui discusse, Freenet è certamente quella che popola le zone più “oscure” e profonde del Dark Web: la rete è nata 18 anni orsono ed è stata pensata come una piattaforma di condivisione P2P delle informazioni in grado di garantire una robusta resistenza a qualsiasi tentativo di censura.

Su Freenet non esiste infatti alcun “server” da buttare giù, tutti gli utenti che partecipano al network mettono a disposizione una quantità variabile di spazio sul disco fisso su cui verrà salvata una porzione di tutti i dati in circolazione sulla rete. Quando viene “pubblicato” un documento o un sito Web su Freenet, i file corrispondenti vengono “spezzettati” e condivisi con gli altri nodi della rete, salvando diverse copie su nodi diversi per migliorare la ridondanza e l’accessibilità. L’utente non ha alcuna capacità di controllo sul modo in cui vengono pubblicati e archiviati i pacchetti di dati, e non esiste alcuna possibilità di accesso anonimo alla Clearnet passando per i nodi di Freenet.

Un “secondo livello” ancora più sicuro di Freenet è poi riservato agli utenti che si conoscono e si fidano l’uno dell’altro, e che decidono di collegarsi in via manuale.

Più che una darknet Freenet è insomma una rete P2P per la condivisione al riparo da interventi esterni, anche se le prestazioni tendono a essere peggiori rispetto sia a I2P che a Tor: Freenet è programmata in Java (come I2P), e “succhia” un certo quantitativo di banda di rete (oltre che di spazio su HDD) a beneficio di tutti gli altri partecipanti. La console di accesso è gestita via Web, e la navigazione nei contenuti presenti negli indici disponibili pubblicamente richiede un bel po’ di pazienza soprattutto durante le prime ore di utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.