Troppi droni su Singapore

Da alcuni anni i cieli di Singapore sono affollati da centinaia di droni. La città asiatica potrebbe essere la prima al mondo a disciplinarne il traffico. L’autorità per l’aviazione civile sta progettando, con l’Università tecnologica Nanyang, un sistema innovativo per gestire i robot volanti nei cieli della metropoli (5,5 milioni di abitanti). La principale difficoltà tecnica, spiegano i ricercatori, è tener conto non solo del loro traffico, ma anche delle possibili interferenze con aerei di linea e grattacieli. Sono in fase di studio torri di controllo per monitorare i voli e sono stati individuati alcuni parametri da rispettare per la sicurezza: 30 metri di distanza dagli edifici, 15 fra i droni e 60 da terra. E in programma l’uso di due tecnologie: il geofencing, una sorta di “recinto virtuale” delimitato dalla tecnologia Gps per non sconfinare in zone proibite e un secondo sistema per evitare ostacoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.